TECNICO DEL MOBILE E DELL’ARREDAMENTO             

     L’indirizzo “Produzioni industriali e artigianali” ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale, competenze che lo mettano in grado di intervenire nei processi di lavorazione, fabbricazione, assemblaggio e commercializzazione di prodotti industriali e artigianali.

     L’identità dell’indirizzo è riferita ad attività professionali che si esplicano nelle filiere dei settori produttivi generali (industria e artigianato del mobile e dell’arredamento) e specificamente sviluppate in relazione alle esigenze espresse dal territorio. L’insieme dei saperi e delle abilità che lo studente acquisisce nel corso di studi riguardano metodi, tecniche e linguaggi inerenti aree operative diversificate per consentirgli di inserirsi proficuamente, al temine dei percorsi, nei contesti produttivi e professionali oppure di accedere a percorsi di livello terziario, in relazione ai requisiti individuali ed alle aspettative di inserimento lavorativo, sia a livello locale che nazionale o internazionale.

     Le competenze tecnico-professionali, accanto ad una base comune indispensabile per tutti i campi della produzione artistica e artigianale, acquistano una progressiva e graduale specificazione, soprattutto operativa e laboratoriale, nei diversi anni di corso.falegname
     Nell’articolazione “Industria” vengono studiate ed applicate le metodiche proprie della produzione e dell’organizzazione industriale, con una significativa attenzione all’innovazione tecnologica.

     Le competenze tecniche e professionali sono riferite a differenti settori produttivi e vengono implementate in rapporto alle esigenze specifiche del territorio. L’articolazione introduce nell’indirizzo percorsi formativi riferiti alle molteplici filiere di produzione attive nell’economia globale e locale, delle quali viene offerta una visione sistemica dell’intero processo produttivo.

     Il diplomato può agire nel lavoro autonomo o dipendente ed è in grado di inserirsi nei diversi segmenti di filiera, in relazione alla complessità e all’evoluzione dei processi organizzativi, di produzione e commercializzazione dei prodotti. Inoltre, il diplomato è in grado di intervenire nella pianificazione della manutenzione ordinaria, della riparazione e della dismissione dei sistemi e degli apparati di interesse.

     Il corso di studi si articola in un primo biennio propedeutico, in un secondo biennio più propriamente professionalizzante e in un quinto anno che porta all’esame di Stato e, quindi, al diploma di Tecnico nel mobile ed arredamento e alla possibilità di proseguire gli studi.

    Le discipline oggetto di studio nell’area comune mirano a favorire la formazione umana e culturale degli studenti che, accanto alle capacità espressive e comunicative, maturano conoscenze e competenze anche pratiche relative al loro futuro ruolo di cittadini e di lavoratori.

    L’area di approfondimento è dedicata, sulla base di un progetto approvato dal Collegio dei Docenti, al potenziamento delle capacità tecnico-professionali degli allievi.

    Durante il quarto e quinto anno inoltre è stata introdotta la possibilità, per gli studenti, di integrare la preparazione professionale con il progetto “alternanza scuola-lavoro”, grazie al quale gli allievi vengono inseriti per un breve periodo di tempo nelle attività lavorative delle aziende della zona. Queste hanno con soddisfazione colto l’invito a favorire il contatto degli studenti con la realtà produttiva per armonizzare quanto più possibile mondo didattico e realtà artigianale.

indietro